Uova di Pasqua? A La Foresteria le stiamo facendo così

Dato che stiamo preparando anche noi il pranzo di Pasqua, abbiamo deciso di sorprendere i nostri ospiti non solo con i piatti del nostro menu, ma anche portando in tavola il racconto di una tradizione pasquale ha dentro tutta la poesia e l’emozione della festa vissuta nelle grandi famiglie siciliane. Lo chef Angelo Pumilia e la zia Annamaria (vi abbiamo già raccontato dei loro esperimenti sulla torta di uova di crema…) stanno preparando i classici pani cull’ova, reinterpretando la ricetta e il soggetto dei tipici canestrini di pane con le uova (quelle vere!).
La preparazione dei pani di Pasqua è un rito domestico antichissimo in Sicilia: un rito “povero”, della tradizione contadina”, ma che conserva un’autenticità e una bellezza che meritano di essere scoperte da chi ha scelto di trascorrere qui una vacanza in piena primavera. Per questo abbiamo deciso di metterne un po’ in forno e farli assaggiare ai nostri ospiti a La Foresteria.

pani-di-pasqua

Di città in città, ma forse sarebbe meglio dire di famiglia in famiglia, la ricetta di questi pani e dolci cambia. C’è chi modella solo il pane di grano duro con una forma rotonda, mettendo al centro due strisce di pasta a formare una croce. C’è chi li lavora a forma di panieri, come delle piccole borsette per tenere l’uovo, con tanto di manico. C’è chi fa addirittura i “pupi”, dall’agnello alla colomba, fino alle forme più fantasiose. Come i pani, si fanno pure i dolci, usando la pastaforte di farina, zucchero e cannella, o ancora la pasta reale o la pasta di mandorla. Tutto, purché non manchi l’uovo, intero, antico emblema dell’origine delle cose e della generosità della terra, che nella cultura cristiana simboleggia anche la fine della Quaresima.

Con questo semplice, allegro e delizioso ornamento della tavola, che potete provare a fare anche voi con la ricetta che preferite, Buona Pasqua da tutti noi!

pani-di-pasqua-2

pani-di-pasqua-3

Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+Pin on Pinterest