Broccoletti selvatici

106I9529_2000

Che siano broccoli selvatici, cicorie, senape, cavuliceddi, borragine, caccialepre o ravanelli selvatici poco importa. Si raccolgono lungo le vigne, ai margini di sentieri e strade e sono perfette se sbollentate e ripassate in padella.
Un antico proverbio siciliano recita: “Brocculi (zocculi e pridicaturi) dopo di Pasqua non hanno sapuri”. Quindi l’indicazione è di raccogliere e cucinare queste verdure spontanee dall’autunno alla primavera.

ingredienti
per 4 persone

1 kg erbe selvatiche (broccoli selvatici, cicorie, senape, cavuliceddi, borragine, caccialepre o ravanelli selvatici)
2 acciughe
2 cipollotti
20 ml vino bianco
1 peperoncino fresco
olio extra vergine di oliva

 

 

difficoltà 1\5 | 
tempo 15 minuti

In una padella fate rosolare i cipollotti col peperoncino. Aggiungete i filetti di acciuga e fateli sciogliere poi mettete le verdure selvatiche che avrete precedentemente lavato e privato delle parti più dure.
Versate mezzo bicchiere di acqua e altrettanto di vino bianco, fate sfumare, coprite col coperchio e cuocete per 10 minuti.
Salate e aggiungete un filo d’olio a crudi prima di servire. Sono un ottimo contorno, un possibile condimento per la pasta e possono essere messi su bruschette e crostini, magari abbinati a del formaggio.

 

 
vino
Etna Bianco Doc
olio
Extra vergine d’oliva denocciolato Nocellara

  
Share on FacebookTweet about this on TwitterGoogle+Pin on Pinterest